/[gentoo]/xml/htdocs/doc/it/gentoo-upgrading.xml
Gentoo

Contents of /xml/htdocs/doc/it/gentoo-upgrading.xml

Parent Directory Parent Directory | Revision Log Revision Log


Revision 1.18 - (show annotations) (download) (as text)
Wed Feb 22 20:57:51 2012 UTC (2 years, 5 months ago) by swift
Branch: MAIN
Changes since 1.17: +2 -2 lines
File MIME type: application/xml
Update IT translations (bug #405309) thanks to Agostino Sarubbo

1 <?xml version='1.0' encoding="UTF-8"?>
2 <!DOCTYPE guide SYSTEM "/dtd/guide.dtd">
3 <!-- $Header: /var/cvsroot/gentoo/xml/htdocs/doc/it/gentoo-upgrading.xml,v 1.17 2008/07/08 20:29:49 scen Exp $ -->
4
5 <guide lang="it">
6 <title>Guida all'aggiornamento di Gentoo</title>
7
8 <author title="Autore">
9 <mail link="greg_g@gentoo.org">Gregorio Guidi</mail>
10 </author>
11 <author title="Redazione">
12 <mail link="wolf31o2@gentoo.org">Chris Gianelloni</mail>
13 </author>
14 <author title="Redazione">
15 <mail link="nightmorph@gentoo.org">Joshua Saddler</mail>
16 </author>
17 <author title="Traduzione">
18 <mail link="netcelli.tux@gmail.com">Davide Simoncelli</mail>
19 </author>
20
21 <abstract>
22 Questo documento spiega come una nuova release di Gentoo modifica le
23 installazioni esistenti.
24 </abstract>
25
26 <!-- The content of this document is licensed under the CC-BY-SA license -->
27 <!-- See http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5 -->
28 <license/>
29
30 <version>2.11</version>
31 <date>2008-07-06</date>
32
33 <chapter>
34 <title>Gentoo e gli aggiornamenti</title>
35 <section>
36 <title>Filosofia</title>
37 <body>
38
39 <p>
40 In Gentoo il concetto di aggiornamento differisce leggermente rispetto alle
41 altre distribuzioni Linux. Probabilmente è già noto che Gentoo non è mai stata
42 in linea con il metodo classico di aggiornare il software di una distribuzione
43 all'ultima versione: aspettare per una nuova versione, fare il download,
44 masterizzarla, inserire il cdrom e seguire le istruzioni per l'aggiornamento.
45 </p>
46
47 <p>
48 Si è già a conoscenza di quanto questo metodo sia estremamente frustrante per
49 quegli utenti avanzati che vogliono sempre avere l'ultima versione del software.
50 Anche gli utenti avanzati di altre distribuzioni condividono gli stessi
51 sentimenti, dando popolarità a strumenti come apt-rpm, che rendono possibili
52 aggiornamenti frequenti e veloci. Tuttavia nessuna distribuzione è più adatta di
53 Gentoo a soddisfare questa categoria di utenti poiché Gentoo è stata progettata
54 sin dall'inizio attorno al concetto di aggiornamenti rapidi, incrementali.
55 </p>
56
57 <p>
58 Idealmente, una volta eseguita l'installazione non c'è più nessun motivo di
59 preoccuparsi riguardo alla versione: si devono solamente seguire le istruzioni
60 in <uri link="/doc/it/handbook/handbook-x86.xml?part=2&amp;chap=1">
61 Introduzione a Portage</uri> del <uri link="/doc/it/handbook/">Manuale
62 Gentoo</uri> che spiega come tenere aggiornato il proprio sistema. Sebbene
63 questa sia la norma, può accadere che talvolta gli sviluppatori inseriscano, con
64 una nuova versione, degli aggiornamenti che modificano il cuore del sistema, e
65 che richiedono richiedono interventi manuali da parte dell'utente.
66 </p>
67
68 </body>
69 </section>
70 <section>
71 <title>Versioni e Profili</title>
72 <body>
73
74 <p>
75 Una domanda ricorrente riguardo al processo di rilascio di Gentoo è: "Perché
76 rilasciare frequentemente nuove versioni, se non servono agli utenti per
77 aggiornare il software?" Ci sono varie ragioni:
78 </p>
79
80 <ul>
81 <li>
82 Una nuova versione significa nuovi CD di installazione con bug risolti e
83 nuove caratteristiche
84 </li>
85 <li>
86 Una nuova versione fornisce un'inseme di pacchetti GRP aggiornato, così
87 che gli utenti che scelgono "la via più veloce" per installare (stage3
88 + pacchetti precompilati) non si trovino con un sistema già vecchio
89 </li>
90 <li>
91 Infine, una nuova versione potrebbe, di quando in quando, implementare delle
92 caratteristiche incompatibili con le versioni precedenti
93 </li>
94 </ul>
95
96 <p>
97 Quando una nuova versione fornisce caratteristiche incompatibili, o un'insieme
98 di pacchetti e configurazioni che modificano profondamente il comportamento
99 del sistema, diciamo che fornisce un nuovo <e>profilo</e>.
100 </p>
101
102 <p>
103 Un <e>profilo</e> è un'insieme di file di configurazione, allocati in una
104 sottodirectory di <path>/usr/portage/profiles/</path>, che descrive cose come
105 gli ebuild che fanno parte dei pacchetti di <e>system</e>, le flag USE
106 predefinite, lo schema predefinito dei pacchetti virtuali, e l'architettura su
107 cui un sistema è installato.
108 </p>
109
110 <p>
111 Il profilo in uso è determinato dal collegamento simbolico
112 <path>/etc/make.profile</path>, che punta alla sottodirectory di
113 <path>/usr/portage/profiles</path> nella quale sono contenuti i file
114 dei profili; per esempio il profilo x86 predefinito per 2008.0 può essere
115 trovato in <path>/usr/portage/profiles/default/linux/x86/2008.0</path>. I file
116 contenuti nelle directory superiori sono parte del profilo (e quindi condivise
117 da differenti sottoprofili). Questo è il motivo per cui vengono chiamati
118 <e>profili a cascata</e>.
119 </p>
120
121 <p>
122 I profili resi obsoleti dai nuovi sono mantenuti in
123 <path>/usr/portage/profiles</path> come i nuovi, ma sono marcati come
124 deprecati. Quando ciò accade un file evidenziato come <path>deprecated</path>
125 viene inserito nella directory dei profili. Il contenuto di questo file è il
126 nome del profilo che deve essere aggiornato; Portage usa questa informazione per
127 avvisare automaticamente del nuovo profilo esistente.
128 </p>
129
130 <p>
131 Ci sono vari motivi che giustificano la creazione di un nuovo profilo; il
132 rilascio di nuove versioni di pacchetti fondamentali (come ad esempio
133 <c>baselayout</c>, <c>gcc</c> o <c>glibc</c>) incompatibili con le versioni
134 precedenti, un cambiamento nelle flag USE predefinite, o nei pacchetti virtuali,
135 oppure un cambiamento nei parametri fondamentali del sistema.
136 </p>
137
138 </body>
139 </section>
140 </chapter>
141
142 <chapter>
143 <title>Mantenersi aggiornati con le nuove versioni</title>
144 <section>
145 <title>Versioni senza cambiamento di profilo</title>
146 <body>
147
148 <p>
149 Se viene rilasciata una nuova versione di Gentoo che non include un nuovo
150 profilo, l'utente potrà stare tranquillo poiché non accadrà niente.
151 </p>
152
153 <p>
154 Se si procede all'aggiornamento dei pacchetti installati
155 <uri link="/doc/it/handbook/handbook-x86.xml?part=2&amp;chap=1">come spiegato
156 nel Manuale Gentoo</uri>, il sistema sarà esattamente come quello di chi ha
157 eseguito l'installazione utilizzando la nuova release.
158 </p>
159
160 </body>
161 </section>
162 <section>
163 <title>Versioni con cambio di profilo</title>
164 <body>
165
166 <p>
167 Se una nuova versione (come ad esempio 2008.0) introduce un nuovo profilo,
168 l'utente ha la possibilità di scegliere se effettuare o meno il passaggio al
169 nuovo profilo.
170 </p>
171
172 <p>
173 Naturalmente non si è obbligati a farlo, e si può continuare ad utilizzare il
174 vecchio profilo semplicemente continuando ad aggiornare i pacchetti installati
175 <uri link="/doc/it/handbook/handbook-x86.xml?part=2&amp;chap=1">come spiegato
176 nel Manuale Gentoo</uri>.
177 </p>
178
179 <p>
180 In ogni modo, Gentoo raccomanda fortemente la migrazione se il profilo viene
181 evidenziato come deprecato. Quando questo accade significa che gli sviluppatori
182 di Gentoo non pensano di supportare il profilo in futuro.
183 </p>
184
185 <p>
186 Se l'utente opta per la migrazione al nuovo profilo, potrebbe dover eseguire
187 manualmente l'aggiornamento. Il modo in cui effettuare l'aggiornamento potrebbe
188 variare molto da versione a versione, tutto dipende da quanto profondi saranno
189 i cambiamenti introdotti dal nuovo profilo.
190 </p>
191
192 <p>
193 Nel caso più semplice l'utente deve solamente cambiare il link simbolico
194 <path>/etc/make.profile</path>, nel caso peggiore deve ricompilare il proprio
195 sistema da zero. La migrazione è solitamente spiegata nelle note di rilascio.
196 Si possono trovare anche delle <uri link="#instructions">istruzioni</uri> alla
197 fine di questa guida.
198 </p>
199
200 </body>
201 </section>
202 <section>
203 <title>Profili Supportati</title>
204 <body>
205
206 <p>
207 È possibile visualizzare i profili ufficialmente supportati dagli sviluppatori
208 Gentoo, eseguendo il comando <c>emerge eselect</c>
209 </p>
210
211 <pre caption="Visualizzare i profili supportati">
212 # <i>eselect profile list</i>
213 </pre>
214
215 </body>
216 </section>
217 </chapter>
218
219 <chapter id="instructions">
220 <title>Istruzioni per l'aggiornamento del profilo</title>
221 <section id="general">
222 <title>Istruzioni generali</title>
223 <body>
224
225 <impo>
226 Si raccomanda di controllare che Portage sia aggiornato prima di cambiare il
227 profilo.
228 </impo>
229
230 <p>
231 Per prima cosa, eseguire <c>emerge eselect</c>. L'utilità <c>eselect</c>
232 permette
233 di visualizare e scegliere in modo semplice i profili, senza bisogno di crearne
234 di nuovi o rimuovere il collegamento simbolico a quello vecchio.
235 </p>
236
237 <pre caption="Selezione del profilo con eselect">
238 <comment>(Visualizzare tutti i profili disponibili)</comment>
239 # <i>eselect profile list</i>
240
241 <comment>(Selezionare il numero del profilo scelto nella lista)</comment>
242 # <i>eselect profile set &lt;numbero&gt;</i>
243 </pre>
244
245 <p>
246 Se si preferisce cambiare il profilo manualmente, seguire le istruzioni
247 seguenti:
248 </p>
249
250 <pre caption="Cambiare il profilo manualmente">
251 # <i>rm /etc/make.profile</i>
252 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/</i>&lt;profilo scelto&gt;<i> /etc/make.profile</i>
253 </pre>
254
255 <note>
256 Per molte architetture ci sono due sotto profili: <b>desktop</b> e
257 <b>server</b>. Leggere attentamente la descrizione di tali profili, poiché
258 potrebbero essere necessari più di quelli predefiniti.
259 </note>
260
261 <note>
262 Il sottoprofilo <c>developer</c> è specifico per operazioni riguardanti lo
263 sviluppo di Gentoo Linux. <e>Non</e> è pensato per aiutare a preparare degli
264 ambienti generali di sviluppo.
265 </note>
266
267 </body>
268 </section>
269 <section>
270 <title>Aggiornamento a 2008.0, 2007.0 o 2006.1</title>
271 <body>
272
273 <p>
274 Se si vuole aggiornare a questi profili, si dovrebbe essere sicuri che la
275 codifica del sistema sia Unicode; in particolar modo l'opzione UNICODE="yes" è
276 impostata in <path>/etc/rc.conf</path>. Affinché funzioni, si deve creare una
277 localizzazione Unicode per il proprio sistema. Leggere la <uri
278 link="/doc/it/utf-8.xml">Guida UTF-8</uri> per sapere come creare un corretta
279 localizzazione.
280 </p>
281
282 <p>
283 In modo alternativo, se non si desidera creare una localizzazione, si dovrebbe
284 specificare l'opzione UNICODE="no" in <path>/etc/rc.conf</path>, e ri-emergere
285 <c>baselayout</c> (o attendere il prossimo aggiornamento di <c>baselayout</c>)
286 con la flag USE <c>-unicode</c>. Si può impostare la flag <c>-unicode</c> solo
287 per il pacchetto <c>baselayout</c>, o globalmente per tutti i pacchetti
288 aggiungendola alla variabile di USE in <path>/etc/make.conf</path>.
289 </p>
290
291 <pre caption="Facolativo: rimuovere il supporto Unicode">
292 <comment>(Per rimuovere il supporto Unicode solo per baselayout)</comment>
293 # <i>echo "sys-apps/baselayout -unicode" >> /etc/portage/package.use</i>
294 # <i>emerge -a baselayout</i>
295
296 <comment>(Per rimuovere il supporto Unicode per l'intero sistema)</comment>
297 # <i>nano -w /etc/make.conf</i>
298 USE="-unicode"
299 # <i>emerge -a baselayout</i>
300 </pre>
301
302 <note>
303 Se si sta aggiornando al profile 2007.0 su un architettura Sparc, è necessario
304 seguire la guida <uri link="/doc/it/gcc-upgrading.xml">Aggiornamento GCC</uri>,
305 poiché <c>gcc-4</c> è il compilatore predefinito.
306 </note>
307
308 <p>
309 In fine, seguire le <uri link="#general">istruzioni generali</uri> per
310 aggiornare il profilo.
311 </p>
312
313 </body>
314 </section>
315 <section>
316 <title>Aggiornamento a 2006.0</title>
317 <body>
318
319 <p>
320 Per aggiornare il sistema al profilo 2006.0 , far puntare il
321 collegamento simbolico <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione. Si
322 raccomanda di controllare che Portage sia aggiornato prima di cambiare il
323 profilo.
324 </p>
325
326 <pre caption="Aggiornamento a 2006.0">
327 # <i>rm /etc/make.profile</i>
328 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/</i>&lt;profilo selezionato&gt;<i> /etc/make.profile</i>
329 </pre>
330
331 <p>
332 <b>alpha</b> - Gli utenti che utilizzano il kernel 2.4 o che non vogliono
333 utilizzare NPTL dovrebbero usare il profilo default-linux/alpha/no-nptl.
334 Vedere ulteriori informazioni nelle <uri
335 link="/proj/en/releng/release/2006.0/alpha-release-notes.xml">note di rilascio
336 di Alpha</uri>.
337 </p>
338
339 <p>
340 <b>ppc</b> - La fusione dei profili ppc32 e ppc64 progredisce. Il profilo ppc32,
341 che si trova in default-linux/ppc/ppc32, è stato cambiato in modo tale da
342 offrire un minimo profilo generico per ogni esigenza. Il rilascio del profilo è
343 stato ottimizzato per l'uso desktop e si trova in
344 default-linux/ppc/ppc32/2006.0. Sono disponibili alcuni sottoprofili per i
345 processori G3 e G4, e per le Pegasos Open Desktop Workstation G3/Pegasos e
346 G4/Pegasos. Si raccomanda di scegliere il sottoprofilo corretto per il proprio
347 sistema per la migrazione al profilo 2006.0.
348 </p>
349
350 <p>
351 <b>sparc</b> - Aggiornando a kernel basati sul <b>2.4</b>, il profilo 2006.0/2.4
352 richiede l'intervento dell'utente (rimuovendo programmi java e) eseguendo
353 <c>emerge -e world</c> per <uri link="/doc/it/gcc-upgrading.xml">l'aggiornamento
354 del compilatore gcc</uri>.<br/>
355 Aggiornando a kernel basati sul <b>2.6</b>, il profilo 2006.0, che non è
356 considerato stabile, richiede di smascherare versioni 2.6 di
357 <c>gentoo-sources</c> inserendo una voce in
358 <path>/etc/portage/package.unmask</path> e una completa ricompilazione.
359 </p>
360
361 <p>
362 <b>Tutte le altre architetture</b> - Non ci sono cambiamenti fondamentali in
363 questo profilo. Non ci sono azioni specifiche da intraprendere.
364 </p>
365
366 </body>
367 </section>
368 <section>
369 <title>Aggiornamento a 2005.1</title>
370 <body>
371
372 <p>
373 Per aggiornare il sistema al profilo 2005.1 , si punti il link simbolico
374 <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione. Si raccomanda di
375 controllare che Portage sia aggiornato prima di cambiare il profilo.
376 </p>
377
378 <pre caption="Aggiornamento a 2005.1">
379 # <i>rm /etc/make.profile</i>
380 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/</i>&lt;profilo selezionato&gt;<i> /etc/make.profile</i>
381 </pre>
382
383 <p>
384 <b>Tutte le architetture</b> - Non ci sono cambiamenti fondamentali in questo
385 profilo. Non ci sono azioni specifiche da intraprendere.
386 </p>
387
388 <p>
389 <b>ppc</b> - Con il rilascio del profilo 2005.1 , i profili ppc e ppc64 sono
390 stati riuniti e sono stati creati un certo numero di sottoprofili specifici per
391 sottoarchitetture. Si raccomanda di scegliere il sottoprofilo corretto per il
392 proprio sistema per la migrazione al profilo 2005.1.
393 </p>
394
395 </body>
396 </section>
397 <section>
398 <title>Aggiornamento a 2005.0</title>
399 <body>
400
401 <p>
402 Con l'introduzione del profilo 2005.0, varie architetture hanno deciso di
403 definire profili addizionali. Leggere attentamente la descrizione di detti
404 profili prima di decidere per la migrazione ad uno di essi. La maggior parte
405 delle architetture scelgono ora in modo predefinito il kernel del ramo 2.6 al
406 posto del ramo 2.4.
407 </p>
408
409 <p>
410 Alcune architetture richiedono di effettuare alcune azioni in più per passare da
411 un profilo ad un'altro. Se questo è il caso, sono disponibili delle guide
412 passo-passo nei collegamenti della tabella.
413 </p>
414
415 <table>
416 <tr>
417 <th>Profilo</th>
418 <th>Descrizione</th>
419 <th>Guida Specifica per l'Aggiornamento</th>
420 </tr>
421 <tr>
422 <ti>default-linux/alpha/2005.0</ti>
423 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per Alpha con kernel 2.6</ti>
424 <ti></ti>
425 </tr>
426 <tr>
427 <ti>default-linux/alpha/2005.0/2.4</ti>
428 <ti>Profilo 2005.0 per Alpha con kernel 2.4</ti>
429 <ti></ti>
430 </tr>
431 <tr>
432 <ti>default-linux/amd64/2005.0</ti>
433 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per AMD64 con kernel 2.6</ti>
434 <ti></ti>
435 </tr>
436 <tr>
437 <ti>default-linux/amd64/2005.0/no-multilib</ti>
438 <ti>Profilo 2005.0 per AMD64 per installazioni multilib-disabled</ti>
439 <ti></ti>
440 </tr>
441 <tr>
442 <ti>default-linux/arm/2005.0</ti>
443 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per ARM con kernel 2.6</ti>
444 <ti></ti>
445 </tr>
446 <tr>
447 <ti>default-linux/hppa/2005.0</ti>
448 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per HPPA con kernel 2.4</ti>
449 <ti></ti>
450 </tr>
451 <tr>
452 <ti>default-linux/hppa/2005.0/2.4</ti>
453 <ti>Profilo 2005.0 per HPPA con kernel 2.4</ti>
454 <ti></ti>
455 </tr>
456 <tr>
457 <ti>default-linux/mips/2005.0</ti>
458 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per MIPS</ti>
459 <ti></ti>
460 </tr>
461 <tr>
462 <ti>default-linux/mips/cobalt/2005.0</ti>
463 <ti>Profilo 2005.0 specifico per Cobalt MIPS</ti>
464 <ti></ti>
465 </tr>
466 <tr>
467 <ti>default-linux/mips/mips64/n32/2005.0</ti>
468 <ti>Profilo 2005.0 per piattaforme MIPS con supporto n32</ti>
469 <ti></ti>
470 </tr>
471 <tr>
472 <ti>default-linux/mips/mips64/ip28/2005.0</ti>
473 <ti>Profilo 205.0 specifico per Indigo2 Impact 64-bit</ti>
474 <ti></ti>
475 </tr>
476 <tr>
477 <ti>default-linux/mips/mips64/2005.0</ti>
478 <ti>Profilo 2005.0 per MIPS 64-bit</ti>
479 <ti></ti>
480 </tr>
481 <tr>
482 <ti>default-linux/ppc/2005.0</ti>
483 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per PPC con kernel 2.6</ti>
484 <ti></ti>
485 </tr>
486 <tr>
487 <ti>default-linux/ppc64/2005.0</ti>
488 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per PPC64 con kernel 2.6</ti>
489 <ti></ti>
490 </tr>
491 <tr>
492 <ti>default-linux/s390/2005.0</ti>
493 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per S390</ti>
494 <ti></ti>
495 </tr>
496 <tr>
497 <ti>default-linux/sparc/sparc32/2005.0</ti>
498 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per Sparc 32-bit</ti>
499 <ti></ti>
500 </tr>
501 <!-- http://dev.gentoo.org/~dsd/kernel-2.6.htm
502 No subprofiles for sparc
503 <tr>
504 <ti>default-linux/sparc/sparc32/2005.0/2.6</ti>
505 <ti>Sparc 32-bit 2005.0 profile for 2.6 kernels</ti>
506 <ti></ti>
507 </tr>
508 -->
509 <tr>
510 <ti>default-linux/sparc/sparc64/2005.0</ti>
511 <ti>Profilo predefinito 2005.0 per Sparc 64-bit</ti>
512 <ti></ti>
513 </tr>
514 <!-- http://dev.gentoo.org/~dsd/kernel-2.6.htm
515 No subprofiles for sparc
516 <tr>
517 <ti>default-linux/sparc/sparc64/2005.0/2.6</ti>
518 <ti>Sparc 64-bit 2005.0 profile for 2.6 kernels</ti>
519 <ti></ti>
520 </tr>
521 -->
522 <tr>
523 <ti>default-linux/x86/2005.0</ti>
524 <ti>Profilo predefinito 2005.0 con kernel 2.6</ti>
525 <ti></ti>
526 </tr>
527 <tr>
528 <ti>default-linux/x86/2005.0/2.4</ti>
529 <ti>Profilo 2005.0 per x86 con kernel 2.4</ti>
530 <ti></ti>
531 </tr>
532 </table>
533
534 <p>
535 Per effettuare l'aggiornamento al profilo scelto, fate puntare il collegamento
536 simbolico <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione, Assicurarsi che
537 la propria installazione di Portage sia aggiornato prima di cambiare profilo!
538 </p>
539
540 <pre caption="Aggiornamento a 2005.0">
541 # <i>rm /etc/make.profile</i>
542 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/</i>&lt;profilo selezionato&gt;<i> /etc/make.profile</i>
543 </pre>
544
545 <p>
546 Se si sta utilizzando un sistema Linux 2.4 ma si vuole migrare ad un kernel
547 2.6, assicurarsii di leggere la <uri link="/doc/it/migration-to-2.6.xml">La
548 guida Gentoo per la migrazione completa a Linux 2.6</uri>.
549 </p>
550
551 </body>
552 </section>
553 <section>
554 <title>Aggiornamento a 2004.3</title>
555 <body>
556
557 <p>
558 Con l'introduzione dei profili 2004.3, gli utenti non vedranno grandi modifiche
559 ai loro sistemi (vedere sotto per i dettagli). Comunque sia, gli sviluppatori di
560 Gentoo hanno deciso di pubblicare questi nuovi profili e di marcare come
561 deprecati alcuni dei vecchi profili per accelerare l'adozione degli <e>stacked
562 profiles</e>, che sono in sostanza i profili che seguono il nuovo layout della
563 directory <path>/usr/portage/profiles</path>, ad esempio,
564 <path>/usr/portage/profiles/default-linux/x86/2004.3</path> (supportato da
565 Portage 2.0.51 o successivi).
566 </p>
567
568 <p>
569 Per effettuare l'aggiornamento al profilo 2004.3, fate puntare il collegamento
570 simbolico <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione:
571 </p>
572
573 <warn>
574 Non dimenticate di aggiornare Portage <e>prima</e> di cambiare il proprio
575 profilo!
576 </warn>
577
578 <pre caption="Aggiornare il collegamento simbolico /etc/make.profile">
579 <comment>sostituite &lt;arch&gt; con la propria architettura</comment>
580 # <i>rm /etc/make.profile</i>
581 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/default-linux/&lt;arch&gt;/2004.3 /etc/make.profile</i>
582 </pre>
583
584 <p>
585 <b>Tutte le architetture</b> - Come detto in precedenza, non ci sono grandi
586 cambiamenti introdotti da questo profilo. Comunque, va fatto notare che
587 <c>sys-apps/slocate</c> e <c>net-misc/dhcpcd</c> non sono più considerati
588 pacchetti di sistema. Questo significa che lanciando <c>emerge --depclean</c>,
589 Portage tenterà cancellarli dal sistema. Se si desiderano tali pacchetti, essi
590 andranno aggiunti a <path>/var/lib/portage/world</path> dopo il cambiamento
591 di profilo, o si dovrà utilizzare manualmente emerge per installarli.
592 </p>
593
594 <p>
595 <b>ppc</b> - <c>sys-fs/udev</c> è attualmente la scelta predefinita in luogo di
596 <c>sys-fs/devfs</c> per le nuove installazioni. Questo non avrà comunque effetto
597 per i sistemi già installati.
598 </p>
599
600 </body>
601 </section>
602 <section>
603 <title>Aggiornare Portage per il supporto ai profili a cascata</title>
604 <body>
605
606 <p>
607 Anche se questa sezione non sembra integrarsi bene in questa guida
608 all'aggiornamento, e' abbastanza importante. Ogni profilo descritto
609 precedentemente richiede una versione di Portage che supporti i profili a
610 cascata ("cascading profiles"). Tuttavia, alcuni profili considerati obsoleti
611 non consentono all'utente di aggiornare Portage, o nel caso che l'utente
612 utilizzi un profilo non più disponibile - ogni tentativo di aggiornare Portage
613 non andrà a buon fine.
614 </p>
615
616 <p>
617 Per risolvere questo problema, gli utenti possono creare un
618 collegamento simbolico temporaneo al profilo <e>obsoleto</e>, che gli
619 permetterà di aggiornare Portage, dopodiché potranno continuare con la
620 procedura di aggiornamento descritta in questa guida:
621 </p>
622
623 <pre caption="Aggiornare Portage con il profilo obsolete">
624 # <i>rm /etc/make.profile</i>
625 # <i>cd /etc</i>
626 # <i>ln -sf ../usr/portage/profiles/obsolete/&lt;arch&gt; make.profile</i>
627 # <i>emerge -n '>=sys-apps/portage-2.0.51'</i>
628 </pre>
629
630 </body>
631 </section>
632 <section>
633 <title>Aggiornamento a 2004.2</title>
634 <body>
635
636 <p>
637 Per effettuare l'aggiornamento al profilo 2004.2, fate puntare il collegamento
638 simbolico <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione:
639 </p>
640
641 <warn>
642 Non dimenticate di aggiornare Portage <e>prima</e> di cambiare il proprio
643 profilo!
644 </warn>
645
646 <pre caption="Aggiornare il collegamento simbolico /etc/make.profile">
647 <comment>sostituite &lt;arch&gt; con la propria architettura</comment>
648 # <i>rm /etc/make.profile</i>
649 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/default-linux/&lt;arch&gt;/2004.2 /etc/make.profile</i>
650 </pre>
651
652 <p>
653 <b>x86</b> - Questo profilo cambia l'implementazione X11 predefinita da
654 <c>x11-base/xfree</c> a <c>x11-base/xorg-x11</c>.Questa modifica tocca solamente
655 il valore <e>predefinito</e>, ed è rilevante solamente per coloro che non hanno
656 ancora installato un server X. Se l'utente ha già un server X installato, questo
657 cambiamento non comporterà niente; l'utente sarà libero di cambiare da un server
658 X a un altro esattamente come prima.
659 </p>
660
661 <p>
662 <b>amd64</b> - Non ci sono cambiamenti fondamentali in questo profilo. Non ci
663 sono azioni specifiche da intraprendere.
664 </p>
665
666 </body>
667 </section>
668 <section>
669 <title>Aggiornamento a 2004.0</title>
670 <body>
671
672 <p>
673 Per effettuare l'aggiornamento al profilo 2004.0, fate puntare il collegamento
674 simbolico <path>/etc/make.profile</path> alla nuova posizione:
675 </p>
676
677 <pre caption="Aggiornare il collegamento simbolico /etc/make.profile">
678 <comment>sostituite &lt;arch&gt; con la propria architettura</comment>
679 # <i>rm /etc/make.profile</i>
680 # <i>ln -s ../usr/portage/profiles/default-&lt;arch&gt;-2004.0 /etc/make.profile</i>
681 </pre>
682
683 <p>
684 <b>Per tutte le architetture</b> - Non ci sono cambiamenti fondamentali in
685 questo profilo. Non ci sono azioni specifiche da intraprendere.
686 </p>
687
688 </body>
689 </section>
690 <section>
691 <title>Aggiornare da profili precedenti di 1.4 a 1.4</title>
692 <body>
693
694 <p>
695 Le istruzioni per questo aggiornamento sono abbastanza complesse, e possono
696 essere consultate <uri link="/doc/it/new-upgrade-to-gentoo-1.4.xml">qui</uri>.
697 </p>
698
699 </body>
700 </section>
701 </chapter>
702 </guide>

  ViewVC Help
Powered by ViewVC 1.1.20